La pillola delle 16


Ad ognuno il suo….mestiere/1

In questa emergenza nessuno fa il suo mestiere: troppo difficile rispondere alle domande per cui si ha competenza e responsabilità.

L’Istituto Superiore di Sanità doveva darci regole precise ed inoppugnabili sul piano scientifico, si è ridotto a fare il commentatore televisivo.

Il commissario Borrelli ci avrebbe dovuto far trovare pronti di fronte alla emergenza e invece ci informava di morti e ci diceva che l’emergenza sanitaria era per lui una cosa nuova perché in genere era sempre collegata ad un altro evento: cataclisma, terremoto…

Ad ognuno il suo…mestiere/2

Il commissario Arcuri doveva procurare mascherine ed invece ci allieta sulle ragioni sociologiche del nostro lockdown.

Il Presidente del Consiglio avrebbe dovuto avere già tutto pronto quando ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale ed invece si è lasciato tirar la giacca da Confindustria e ciarlatani.

I presidenti di Regione avrebbero dovuto preparare la rete ospedaliera utilizzando l’esperienza critica del nord ed invece sono diventati comunicatori tragicomici. Avrebbero dovuto fare tamponi ed invece comprano kit sierologici utilizzandoli come caramelle.

I sindaci si dovrebbero preoccupare di organizzare il prossimo anno scolastico: non saranno consentite le classi pollaio e quindi servono nuove aule ed invece comprano a nostre spese test sierologici che così fatti non servono praticamente a niente, forse sono dannosi ingenerando falsi positivi e falsi negativi.

Bulimia di poltrone

Il Parlamento affronta solo provvedimenti Covid o in scadenza. Il Governo non si sottrae però ad una infornata di nomine. Consigli di amministrazione importanti: Leonardo, Enel, Poste. Il Covid 19, abbiamo capito, non dà inappetenza di poltrone, anzi induce a bulimia. Soliti amici con curricula imbarazzanti ed i nostri migliori ragazzi si smazzano in giro per l’Italia ed il mondo.

Paolo Russo

Deputato al Parlamento, medico e scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *